La legge modifica la L. Il provvedimento si applica a tutti gli edifici realizzati legittimamente anche quelli per i quali il titolo edilizio sia stato rilasciato in sanatoria, compresi il caso della formazione del silenzio assenso e a quelli non ultimati ma che abbiano ricevuto il titolo abilitativo edilizio.

Rispetto alla L. Sono esclusi dal campo di attuazione gli insediamenti urbani storici come individuati dal Piano territoriale paesistico regionale e le aree di rischio idrogeologico molto elevato, i casali e i complessi rurali realizzati in epoca anteriore algli edifici costruiti nelle aree del demanio marittimo. Viene stabilito che le norme relative ad ampliamenti, demolizione e ricostruzione, cambi di destinazione d'uso resteranno in vigore per tre anni.

Le disposizioni del presente capo si applicano agli interventi di ampliamento, di ristrutturazione e di sostituzione edilizia degli edifici di cui agli articoli 3, 3 bis, 3 ter, 4, e 5 per i quali, alla data di entrata in vigore della presente legge, sussista, alternativamente, una delle seguenti condizioni:. Gli interventi di cui al presente comma sono consentiti nel rispetto delle seguenti condizioni:.

Nel caso in cui gli interventi previsti al comma 1 riguardino un edificio con una superficie utile inferiore a metri quadrati o riguardino un immobile edificato in un comune con popolazione inferiore a I comuni provvedono annualmente a trasmettere i dati riepilogativi alla Regione.

Gli ampliamenti di cui al comma 1 non si sommano con gli ampliamenti eventualmente consentiti da altre norme vigenti o dagli strumenti urbanistici comunali sui medesimi edifici. Salta al contenuto principale.

Girl clan names

Modifiche alla legge regionale 11 agoston. Modifiche alla legge regionale 6 agoston. La legge modifica diversi e importanti provvedimenti. Modifiche introdotte dalla L.

Unlighting ro ghoul

Scarica il pdf completo Stampa le parti selezionate Disposizioni transitorie ed abrogative. Entrata in vigore 1.

Risultati ricerca

Dalla redazione Commenti e approfondimenti Scadenze tecniche. A cura di: Anna Petricca. Edilizia e immobili Ambiente, paesaggio e beni culturali Beni culturali e paesaggio Edilizia privata e titoli abilitativi. A cura di: Redazione Legislazione Tecnica. Titoli abilitativi Edilizia privata e titoli abilitativi Beni culturali e paesaggio Edilizia e immobili Ambiente, paesaggio e beni culturali.

Riepilogo del regime degli interventi da eseguire su beni o aree di interesse paesaggistico aggiornato al D.I Comuni, attraverso lo sportello unico per l'edilizia, forniscono una adeguata e continua informazione ai cittadini sui contenuti degli strumenti urbanistici ed edilizi.

Check battery ds4 pc

Abrogato 1 1 abrogato comma 4 da art. I medesimi interventi previsti dal comma 1 sono consentiti negli ambiti pianificati attraverso POC, che non ha assunto il valore e gli effetti di piano urbanistico attuativo PUA ai sensi dell'art. I medesimi interventi edilizi previsti al comma 1 sono consentiti nei Comuni ancora provvisti di piano regolatore generale PRG e fino all'approvazione della strumentazione urbanistica prevista dalla L. Fuori dai casi di cui all'art. Le definizioni degli interventi edilizi sono contenute nell'Allegato costituente parte integrante della presente legge, le cui disposizioni potranno essere modificate con atto di coordinamento tecnico emanato ai sensi dell'art.

I titoli abilitativi devono essere conformi alle leggi, ai regolamenti ed alle prescrizioni contenute negli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica vigenti e adottati. Gli stessi sono presentati o rilasciati nell'osservanza dei vincoli paesaggistici, sismici, idrogeologici, forestali, ambientali e di tutela del patrimonio storico, artistico ed archeologico. Entrambi sono trasferibili insieme all'immobile ai successori o aventi causa.

Essi non comportano limitazioni dei diritti dei terzi. Devono comunque essere allegati ai titoli abilitativi gli elaborati rappresentativi dello stato di fatto degli immobili oggetto degli interventi edilizi, in particolare per quelli di restauro, di risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia e di eliminazione delle barriere architettoniche. Le disposizioni del presente Titolo non trovano applicazione: a per le opere, gli interventi e i programmi di intervento da realizzare a seguito della conclusione di un accordo di programma, ai sensi dell'art.

Il Consiglio comunale con deliberazione procede, entro centottanta giorni dall'entrata in vigore della presente legge, a stabilire quali tra gli interventi di cui al comma 1, lettere be e gsono sottoposti a permesso di costruire. In fase di prima applicazione della disposizione di cui al comma 1, il Consiglio comunale, con il medesimo atto previsto dall'art.

Fino alla data di assunzione della deliberazione, gli interventi edilizi, ad eccezione di quelli di cui all'art. Qualora l'immobile oggetto dell'intervento sia sottoposto ad un vincolo la cui tutela compete, anche in via di delega, alla stessa amministrazione comunale, il termine di trenta giorni decorre dal rilascio del relativo atto di assenso, da rendersi comunque entro trenta giorni dalla presentazione della denuncia, ovvero dall'eventuale decorso del termine per l'esercizio dei poteri di annullamento dell'autorizzazione paesaggistica.

Decorsi trenta giorni dalla richiesta, il responsabile dello sportello unico per l'edilizia convoca una conferenza di servizi. In tali casi il termine di trenta giorni per l'inizio lavori decorre dal ricevimento dell'atto richiesto ovvero dall'esito della conferenza. Entro il medesimo termine, in caso di incompletezza della documentazione, il dirigente provvede a richiedere l'integrazione e il termine per l'inizio dei lavori resta sospeso fino al ricevimento degli atti necessari.

Sono soggetti a permesso di costruire gli interventi non previsti dall'art. La richiesta produce l'effetto dell'interruzione del termine di cui al comma 4, il quale ricomincia a decorrere dalla data del completo ricevimento degli atti integrativi. Entro sessanta giorni dalla presentazione della domanda, il responsabile del procedimento cura l'istruttoria, acquisendo i prescritti pareri dagli uffici comunali e richiedendo alle amministrazioni interessate il rilascio degli atti di assenso necessari al rilascio del provvedimento.

Acquisiti tali atti, formula una proposta di provvedimento, corredata da una relazione. Nel caso di inutile decorrenza del termine per il rilascio degli atti di assenso da parte di altre amministrazioni, il responsabile del procedimento convoca la conferenza di servizi.Non hai trovato quello che cerchi? Tu sei qui: Home Notizie. Tutti Pagine e documenti Notizie e appuntamenti Allegati e collegamenti Audio, video e immagini.

Responsabile del servizio di prevenzione e protezione - R. Nuovi elementi da Da ieri Nell'ultima settimana Nell'ultimo mese Da sempre. Categorie autonomiaER 3. AcorsiniAndrea Asergioventuri AssCulturaER Bonaccini 3. EmmaPetitti 6. PalmaCosti PaolaGazzolo ANCE 6.

AUSL 9. Agricoltura 1.

Ricerca Atti amministrativi

Agricoltura biologica 1. Assia 5. BE Sustainable 1. Bando Infeas 2. Baruffi 2. Bilancio 1. Bologna Calvano 2. Colla 5. Comitato regionale di coordinamento Comunidad Valenciana 1. Coronavirus Corsini 3. Covid 6. Donini 3. Educazione sostenibile 2.

Emilia-Romagna Felicori 2. Ferrara Fico 1. Gauteng 1.Determinazione n. Anno Revoca dell'istituzione delle zone di sicurezza per Erwinia amylovora. Deliberazione n. Concessione contributi e contestuale assunzione impegno di spesa.

Programma di intervento contributivo relativo a estirpazioni di piante di actinidia e contestuale avviso pubblico per la presentazione delle domande. Determina n. Determinazione N. Concessioni contributi, assunzione impegno di spesa e contestuale liquidazione contributi concessi. Approvazione elenchi domande di contributo riferite alle estirpazioni di piante di drupacee e alle estirpazioni o capitozzature di piante di actinidia. Concessione contributi, assunzione impegno di spesa e contestuale liquidazione contributi concessi.

Adeguamento alle disposizioni dell'art. Deliberazione 6 settembren. Concessione finanziamento all'ente gestore del fondo costituito per il territorio provinciale di Ferrara. Intervento previsto dalla deliberazione della giunta regionale n.

Deliberazione 27 luglion. Deliberazione del 27 luglion. Intervento Approvazione criteri e modulistica e contestuale apertura del bando. Approvazione graduatoria domande di contributi per estirpazione drupacee colpite da Sharka. Intervento previsto dalla deliberazione della Giunta Regionale N. Concessione finanziamenti a enti gestori dei fondi costituiti per i territori provinciali di Ferrara, Modena e Reggio Emilia.

Approvazione criteri e modulistica e contestuale apertura bando. Intervento contributivo a favore aziende viticole colpite da flavescenza dorata. Apertura bando - approvazione criteri e modulistica per presentazione domande. Concessione finanziamenti agli enti gestori dei fondi costituiti per i territori provinciali di Ferrara, Modena e Reggio Emilia. Attuazione LR. Bando - Determinazione N. Interventi per flavescenza dorata. Deliberazione 14 novembren.Non hai trovato quello che cerchi?

Tu sei qui: Home Ufficio Relazioni con il Pubblico. Ufficio Relazioni con il Pubblico. In questa sezione. Tutti Pagine e documenti Notizie e appuntamenti Allegati e collegamenti Audio, video e immagini.

Deliberazione della Giunta Regionale 23 giugnon. Decreto Legislativo 9 aprilen. GU Serie Generale n. Linee guida per la stima dei costi della sicurezza nei contratti pubblici di forniture o servizi. Prime indicazioni operative Piccole cose di valore non quantificabile Cortometraggio di Paolo Genovese e Luca Miniero che traduce il tema della violenza in racconto filmico in modo appropriato con stile delicato ed equilibrato, Delibera di Giunta regionale n.

Bs Ohsas Occupational health and safety management systems Occupational health and safety management systems. Requirements GU L del 9. Manuale tecnico - procedure operative per la conduzione in sicurezza delle lavorazioni nei cantieri edili Linee guida per la gestione della sicurezza nei cantieri temporanei e mobili.

Nuovi elementi da Da ieri Nell'ultima settimana Nell'ultimo mese Da sempre. Categorie autonomiaER 3. AcorsiniAndrea Asergioventuri AssCulturaER Bonaccini 3. EmmaPetitti 6.

PalmaCosti PaolaGazzolo ANCE 6. AUSL 9. Agricoltura 1. Agricoltura biologica 1. Assia 5. BE Sustainable 1. Bando Infeas 2. Baruffi 2. Bilancio 1. Bologna Calvano 2.Norme per la promozione della cittadinanza sociale e per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali - Regione Emilia Romagna.

Oggetto della riforma. Principi della legge. Sistema integrato di interventi e servizi sociali. Diritto alle prestazioni. Interventi e servizi del sistema locale dei servizi sociali a rete. Livelli essenziali delle prestazioni sociali. Accesso al sistema dei servizi sociali a rete. Istituzione degli sportelli sociali. Interventi per la promozione sociale.

Politiche familiari. Integrazione socio-sanitaria.

legge regionale n. 0009 del 13 05 2003 emilia

Conferenza territoriale sociale e sanitaria. Assegni di cura. Interventi di sostegno economico. Interventi per favorire il lavoro delle persone disabili. Esercizio delle funzioni ed ambiti associativi. Soggetti del terzo settore ed altri soggetti senza scopo di lucro.

Altri soggetti privati. Principi e criteri per il riordino del sistema delle Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza e la costituzione di Aziende pubbliche di servizi alla persona. Trasformazione delle Istituzioni - Estinzione. Azienda pubblica di servizi alla persona. Patrimonio dell'Azienda. Piano regionale degli interventi e dei servizi sociali.Approvata con Delib. Il provvedimento adegua il contenuto di alcune disposizioni alle indicazioni pervenute dagli uffici governativi e recepisce le prescrizioni delle leggi statali sulle materie oggetto di intervento.

In particolare:. La Regione Basilicata, al fine di migliorare i processi di controllo del territorio e fornire maggiore sicurezza ai cittadini lucani, uti. Salta al contenuto principale. Ulteriori disposizioni urgenti in vari settori d'intervento della Regione Basilicata. Sempre in materia di produzione di energia da fonti rinnovabili, previste modifiche concernenti le procedure autorizzative.

Articolo 1, comma 1; articolo 3, comma 6; articolo 5, comma 11, lettera acomma 12; articolo 6, comma 2, comma 3; articolo 8, comma 1, lettera e. Articolo 3-bis, comma 1 bis; articolo 11, comma 2, comma 7; articolo 14, comma 6.

n.130 del 16.05.2018 periodico (Parte Seconda)

Articolo 3, comma 1, lettera c ; articolo 4, comma 2, lettera b. Appendice A, paragrafo 1.

legge regionale n. 0009 del 13 05 2003 emilia

Articolo 10, comma 2, comma 3, comma 4, comma 5, comma 7; articolo 28, comma 2, comma 2 bis; articolo bis, comma 3. Articolo 9; articolo 10; articolo 11; articolo 12; articolo 13, comma 1, comma 3. Testo coordinato con le modifiche introdotte da: - Sent. Corte Cost. Scarica il pdf completo Stampa le parti selezionate Dalla redazione Commenti e approfondimenti Scadenze tecniche. Finanza pubblica Impiantistica Energia e risparmio energetico Impresa, mercato e concorrenza Impianti alimentati da fonti rinnovabili Provvidenze Efficienza e risparmio energetico Fonti alternative Imprese.

La Regione Campania concede contributi in conto capitale a fondo perduto a favore delle imprese per la realizzazione di investimenti finalizzati all'efficienza energetica e all'utilizzo delle fonti rinnovabili di energia. A cura di: Anna Petricca. Provvidenze Efficienza e risparmio energetico Fonti alternative Imprese Impiantistica Energia e risparmio energetico Finanza pubblica Impianti alimentati da fonti rinnovabili Impresa, mercato e concorrenza.

Le forme di sostegno previste sono rappresentate da uno strumento finanziario finanziamento combinato con una sovvenzione a fondo perduto. Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel D. A cura di: Dino de Paolis Alfonso Mancini.

Efficienza e risparmio energetico Impianti alimentati da fonti rinnovabili Imprese Fonti alternative Energia e risparmio energetico Impiantistica Finanza pubblica Provvidenze. Con l'Avviso la Regione Umbria sostiene gli investimenti delle imprese extra agricole per l'efficienza energetica e l'utilizzo delle fonti di energia rinnovabile.

Impianti alimentati da fonti rinnovabili Provvidenze Impiantistica Finanza pubblica Energia e risparmio energetico Imprese Fonti alternative. Mostra altri.

Nadd

Efficienza e risparmio energetico Energia e risparmio energetico. Uffici e luoghi di lavoro Sicurezza. Energia e risparmio energetico Efficienza e risparmio energetico. Energia e risparmio energetico Efficienza e risparmio energetico Macchine e prodotti industriali Norme tecniche.

legge regionale n. 0009 del 13 05 2003 emilia

Analisi del procedimento autorizzatorio ordinario e semplificato, casistiche non soggette ad autorizzazione, prassi in via di formazione e consolidamento.